Notturno

Associazione Culturale Musicale di Milano

Le foto 
dei concerti
Gallery.htmlGallery.htmlGallery.htmlshapeimage_3_link_0shapeimage_3_link_1
Podcast 
NotturnoPodcast/Podcast.htmlPodcast/Podcast.htmlPodcast/Podcast.htmlshapeimage_4_link_0shapeimage_4_link_1
L’archivio
dei concertiArchivio_Concerti/Archivio_Concerti.htmlArchivio_Concerti/Archivio_Concerti.htmlArchivio_Concerti/Archivio_Concerti.htmlshapeimage_5_link_0shapeimage_5_link_1
L’Associazione
NotturnoAssociazione_Notturno.htmlAssociazione_Notturno.htmlAssociazione_Notturno.htmlshapeimage_6_link_0shapeimage_6_link_1
MusicaPoesia
2016-2017MusicaPoesia_2016-2017.htmlMusicaPoesia_2016-2017.htmlMusicaPoesia_2016-2017.htmlshapeimage_7_link_0shapeimage_7_link_1
Sostieni 
NotturnoSostieni_Notturno.htmlSostieni_Notturno.htmlSostieni_Notturno.htmlshapeimage_10_link_0shapeimage_10_link_1
 


Sonetto 35

dal Canzoniere

di Francesco Petrarca ( 1304 - 1374 )


Solo et pensoso i più deserti campi

vo mesurando a passi tardi e lenti,

et gli occhi porto per fuggire intenti

ove vestigio human l’arena stampi.

 

Altro schermo non trovo che mi scampi

dal manifesto accorger de le genti,

perché negli atti d’alegrezza spenti

di fuor si legge com’io dentro avampi:

 

sì ch’io mi credo ormai che monti et piagge

et fiumi et selve sappian di che tempre

sia la mia vita, ch’è celata altrui.

 

Ma pur sì aspre vie né sì selvagge

cercar non so ch’Amor non venga sempre

ragionando con meco, et io co’llui.

sabato 17 giugno alle ore 19:00

Omaggio a Francesco Petrarca

Fondazione Luciana Matalon, foro Buonaparte 67, Milano

L’ultimo concerto della stagione MusicaPoesia 2016-2017 è una rara e preziosa occasione di ascoltare musiche ispirate alla poesia di Francesco Petrarca; il duo costituito dalla soprano Silvia Martinelli e dal pianista Andrea Trovato interpreterà un florilegio di romanze e lieder che vari compositori hanno scritto su sonetti e poesie del grande poeta italiano. Naturalmente la maggior parte delle opere presentate sono di autori italiani, ma non mancano due importanti eccezioni: Franz Schubert e Franz Liszt ( che peraltro sono stati anche due dei protagonisti dello scorso concerto ). Fra gli italiani si potranno ascoltare brani del madrigalista Luca Marenzio affiancati ai moderni Mario Castelnuovo-Tedesco, Ildebrando Pizzetti e Nino Rota; in questo modo si potrà ascoltare come la poesia di Francesco Petrarca abbia affascinato ed ispirato compositori lungo l’arco di quattro secoli.

Questo concerto all’insegna del dialogo fra musica e poesia conclude degnamente la stagione 2016-2017 di MusicaPoesia presso la Fondazione Luciana Matalon di Milano, alla quale hanno partecipato oltre venti musicisti ed artisti proponendo otto concerti di alto livello e con programmi interessanti ed impegnativi; ma soprattutto lancia un ponte alla prossima stagione che siamo sicuri sarà altrettanto bella ed originale; desideriamo dunque approfittare di quest’occasione per dare un affettuoso arrivederci !

La Poesia del Mese

Numerosi sono i contatti fra la poesia di Francesco Petrarca e la musica negli oltre settecento anni che sono trascorsi dalla sua nascita ( 1304 - 1374 ); infatti il grande umanista non fu solo un grande poeta, ma anche un grande musicista della parola. E’ interessante a tal proposito citare quanto scritto a proposito da Carlo Culcasi nel 1936:

Se Dante, poeta austero e profondo amò la musica, tanto più doveva amarla il Petrarca, per le disposizioni stesse del suo spirito, aperto a tutte le effusioni soavi, per il carattere della sua poesia così delicata e armoniosa.

Messer Francesco sortì dalla natura tutte le doti che sono necessarie a un musico: ebbe un senso squisito dell’armonia e del ritmo, ebbe dolce e canora la voce, possedette, insomma, il genio della musica. ( .... ) Egli, grazie al suo squisito sentimento dell’armonia e del ritmo, non solo perfezionò lo strumento della lingua, liberandola

MusicaPoesia 2017-2018

Ci vediamo a settembre !


Quest’anno è stato proprio pieno di musica ed abbiamo potuto ascoltare ottimi complessi da camera dal duo ( Francesca Bonaita e Alice Baccalini, Sugiko Chinen e Luca A. M. Colombo ) fino al quintetto ( Quartetto Maffei con Eloisa Cascio ) passando per il trio ( Trio Jumpin Jive ) ed il quartetto ( Quartetto Notturno ); non abbiamo trascurato neanche la musica vocale con una riduzione dal melodramma verdiano ( Il trovatore ) e due concerti dedicati alla musica vocale da camera (Ayako Nishiyuki e Dzemilj Redzepi con Luca A. M. Colombo ) ed il concerto di Silvia Martinelli e Andrea Trovato in programma questo mese; a tutto vogliamo dire grazie !

E soprattutto vogliamo ringraziare tutti i nostri soci ed amici che hanno seguito la rassegna MusicaPoesia: senza il vostro aiuto e sostegno una manifestazione così bella  e raffinata non sarebbe mai stata possibile: grazie !

Ed ora ? Non vi preoccupate, stiamo lavorando alla prossima stagione e non vediamo l’ora di illustrarvene i particolari dopo la pausa estiva.

Ci vediamo a settembre !

 

d’ogni suono duro e aritmico, d’ogni scoria arcaica e plebea, raffinandola e nobilitandola, ma la rese anche snella, flessuosa, trasparente, come una musica viva e pulsante, rispondente ad ogni voce interna, ad ogni moto dell’anima. ( ... ) Non per nulla i poeti che vennero dopo, quelli specialmente più dolci e musicali tennero sempre gli occhi rivolti al Petrarca, considerandolo come il vero e l’unico modello da imitare, come l’artista impareggiabile, che aveva creato il più soave eloquio della poesia, e aveva fatto del patrio volgare la lingua più melodiosa e musicale del mondo.


Particolarmente interessante giunge allora il concerto che il duo costituito dalla soprano Silvia Martinelli e dal pianista Andrea Trovato interpreterà per la stagione MusicaPoesia.

Silvia Martinelli, soprano, svolge un’ampia attività artistica, sia nell’ambito della lirica che del concerti. Ha studiato canto con Margherita Rinaldi, perfezionandosi in seguito con Renata Scotto, Maria Chiara, Claudio Desderi e Julia Hamari. Diplomata in Canto presso il Conservatorio di Musica di Perugia, è stata premiata in numerose competizioni nazionali e internazionali, fra cui il Concorso “Hans Gabor Belvedere” di Vienna e l’Accademia di  perfezionamento del Teatro alla Scala. Artista versatile, è impegnata anche in ambito sinfonico, cameristico e liederistico, esibendosi in prestigiose sedi in Italia e all’estero.

Andrea Trovato, pianista e organista, conduce una brillante attività professionale che abbraccia le esperienze più varie, dal concertismo alla didattica. Attivo sia come solista che in formazioni da camera, spazia dalla musica antica a quella contemporanea, dalla lirica al repertorio sinfonico, collaborando anche con importanti enti quali il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino e il Teatro Lirico “G. Verdi” di Trieste. Recentemente è stato nominato Steinway Artist. Fin da giovanissimo è risultato vincitore di numerosi Primi Premi in prestigiose competizioni nazionali e internazionali, conduce un'importante attività concertistica sia al pianoforte che all’organo, in Italia e all’estero (Parigi, Atene, Rodi, Bruxelles, Anversa, Chicago, Salisburgo, Colonia…) per prestigiose associazioni concertistiche, tra cui la Roosevelt University e Notre Dame University (U.S.A.), Temps Fort Musique e Accueil Musical (Francia), Polyphonia Atheneaum (Grecia) e molte altre. Incide per Dynamic, Tactus e Concerto Classics.

Silvia Martinelli e Andrea Trovato