1. - I Concerti si terranno tutti presso la Fondazione Luciana Matalon di Milano, foro Buonaparte, 67.


-  La prenotazione è riservata ai soci di Notturno


  1. - Per informazioni circa le modalità d’ingresso e le quote associative contattare direttamente l’associazione o consultare la pagina Sostieni Notturno

Notturno, Associazione culturale musicale di Milano

via Capeceltro, 81 - 20148 Milano tel:349.6375975 - fax: 02.36565844

email: info@notturnomusica.org

sabato 17 novembre alle ore 19:00

Beethoven e Rossini: quasi una sfida !

Fondazione Luciana Matalon, foro Buonaparte 67, Milano

Inizia finalmente la stagione MusicaPoesia ( per i dettagli vedi il depliant allegato ) con un concerto di trio dedicato a due grandi compositori a cavallo fra settecento e ottocento: Beethoven e Rossini, di cui quest’anno ricorre il 150° anniversario dalla morte. In questo modo Notturno intende proseguire nell’esecuzione integrale dei sette grandi trii beethoveniani ed insieme commemorare il grande compositore di Pesaro. Il trio sarà formato da Luca A.M. Colombo, Andrea Bordonali (violino) e Lucio Corrente (violoncello).

I dettagli nel riquadro qui sotto.

Ingresso: vedi pagina seguente

Informazioni: 349.6375975

info@notturnomusica.org  

Fondazione Luciana Matalon: 02.878781/02.45470885


Il trio formato da Luca A.M. Colombo (pianoforte), Andrea Bordonali (violino) e Lucio Corrente (violoncello) interpreterà il Trio op.1 nr.2 di Ludwig van Beethoven e la versione per trio di due celebri Ouverture di Gioacchino Rossini: Semiramide e Barbiere di Siviglia.

L’accostamento fra il grande compositore tedesco, che siamo abituati a pensare principalmente “eroico” e l’italiano, associato generalmente al genere buffo, può sembrare ardito, ma i punti di contatto fra questi grandi compositori non mancano; basti pensare che Beethoven era accusato da molti dei suoi contemporanei di essere troppo “eccentrico” e che uno dei suoi stili prediletti era quello spiritoso (“Voi mi avete dato l'impressione di essere un uomo con molte teste, molti cuori, molte anime.” gli disse Haydn), mentre Rossini fu chiamato nella primissima gioventù tedeschino per il prendere sempre a modello Mozart e Haydn; in questo concerto proveremo quindi giocare un po’ ad invertire gli stereotipi con un Beethoven brillante e quasi buffo ed un Rossini serio e sinfonico!

Volete scoprire il risultato ? Vi aspettiamo sabato 17 novembre alle 19:00 alla Fondazione Luciana Matalon!


Programma

Ludwig van Beethoven (1770 - 1827)

Trio op.1 nr.2 in sol maggiore

- Adagio - Allegro vivace

- Largo con espressione

- Scherzo. Allegro

- Finale. Presto


Gioacchino Rossini (1792 - 1868)

- Ouverture da Semiramide

- Ouverture da Il barbiere di Siviglia

Luca A. M. Colombo

è stato allievo a Milano della Sig.ra Midori Kasahara e di Mario Panciroli, diplomandosi presso il Conservatorio “A.Vivaldi” di Alessandria. Successivamente ha studiato a Rimini con il Maestro Alfredo Speranza, partecipando anche ai corsi di musica da camera da lui tenuti presso il festival Allegro Vivo in Austria. Ha seguito numerose masterclass tenute, tra gli altri, da Lazar Berman, Vitaly Margulis ed Aldo Ciccolini. E’ stato premiato in concorsi nazionali e internazionali, cominciando così una intensa attività musicale che lo ha portato a tenere concerti in Europa ( Italia, Spagna, Francia, Inghilterra ed Austria) in America ( U.S.A, Canada e Messico ) ed in Giappone. L’interesse per la musica da camera lo ha spinto a costituire un duo pianistico con la moglie Sugiko Chinen. Nel 2009 ha pubblicato il suo primo cd in duo con il clarinettista Raffaele Bertolini. Parallelamente agli studi musicali ha completato anche quelli in campo scientifico, conseguendo la laurea in fisica presso l’Università degli Studi di Milano. Dal 2001 è fondatore e presidente di “Notturno - Associazione Culturale Musicale di Milano”.


Andrea Bordonali

Nato a Milano, ha studiato violino con Michelangelo Abbado, Fulvio Luciani, Giulio Franzetti, Mauro Catalano, diplomandosi nel 1988 presso il Conservatorio “Achille Peri” di Reggio Emilia. Ha frequentato i corsi di interpretazione della musica di J.S. Bach con Rudolf Barshai e si è perfezionato con Felix Ayo. Nel 1990 ha superato le selezioni dell’Orchestra“Mozart a Milano”, riservata a giovani solisti italiani e ha collaborato con l’Orchestra Sinfonica della RAI di Milano; parallelamente è risultato vincitore del posto di violino di spalla presso l’Orchestra “Hans Swarovsky” di Milano. Nel 1991 è stato scelto come violino di spalla dell’Orchestra Sinfonica dell’Università Cattolica di Milano; con questa orchestra ha tenuto quattro stagioni sinfoniche di ventiquattro concerti. Come violino di spalla ha collaborato con P. Maag, R. Muti, G. Taverna, G. Garbarino, N. Arman, F. Pantillon e solisti come R. Filippini, S. Mildonian, S. Accardo, G. Carmignola, M. Larrieu; ha poi guidato l’Orchestra in tournées in Canada (Montreal, Ottawa), Francia (Belfort, Strasburgo), Germania (Würzburg), Thailandia (Bangkok); Roma (Teatro dell’Opera), Novara e in altre città italiane. E’ stato concertino dei primi violini con l’Orchestra “Guido Cantelli” di A. Veronesi. Attualmente è violino di spalla dell’Orchestra della Provincia di Lecco, attiva soprattutto nel repertorio operistico e, sempre come violino di spalla, con l’Associazione “Ars Cantus” della provincia di Varese; con quest’ultima ha effettuato tournées in Italia (Conservatorio G. Verdi, Teatro Dal Verme, etc..) e all’estero (Musikverein di Vienna etc..). Collabora con l’Orchestra “Giuseppe Verdi” di Milano (concerti con R. Chailly e R. Muti), l’Orchestra “Milano Classica”, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, l’Orchestra del Teatro Chiabrera di Savona, Orchestra del Friuli Venezia Giulia, Orchestra Filarmonica Italiana, etc… Svolge inoltre sia attività solistica con varie esecuzioni de Le Quattro Stagioni di Vivaldi, Concerti K 216 e K 218 di W.A. Mozart, Concerto op. 64 di Mendelssohn, Concerto per 2 violini e Concerto per violino e oboe di J. S. Bach, Tre brani da Schindler’s List di J. Williams, che in formazioni cameristiche.


Lucio Corrente, violoncello

Nato a Rho (MI), inizia lo studio del pianoforte e del violoncello rispettivamente a 15 e a 17 anni. Si diploma in violoncello al Conservatorio “Cantelli“di Novara nel 2005. Parallelamente agli studi musicali prosegue anche quello accademico laureandosi in Fisica presso l’Università degli Studi di Milano. Membro dell’Interregionales Jugendsinfonieorchester (I.R.O.) negli anni 1999 - 2003 ai corsi estivi alla Landesakademie di Ochsenhausen e

relative tournee concertistiche in Germania sotto la direzione di Manfred Schreier e Klaus Arp. Attualmente suona in diverse orchestre sinfoniche e formazioni cameristiche collaborando stabilmente con l’orchestra Ars Cantus (www.arscantus.org/ ) e l’Orchestra Sinfonica del Teatro Coccia di Novara. L’interesse per l’arte contemporanea lo ha condotto a sperimentare la relazione tra arti visive e la musica collaborando con artisti quali Hermann Nitsch, Nelleke Beltjens e Jaanika Peerna. Ultimo in ordine di tempo è il progetto nato nel 2016 in collaborazione con Jaanika Peerna che prevede performance artistico-musicali/visive che prendono spunto da fenomeni fisici; uno di essi prevede una composizione musicale derivata dal segnale di onde gravitazionali intercettato dall’osservatorio americano LIGO (https://www.youtube.com/watch?v=mp6EMDxIJLs). Suona un violoncello italiano “Raffaele Scalise” del 1993.


Prenota il concertomailto:info@notturnomusica.org?subject=Concerto%20Beethoven%20e%20Rossini%20alla%20Fondazione%20Matalon